Copyright © 2017 Emanuele Silingardi all right reserved.

info@lelesilingardi.com

Copyright: Il contenuto del sito www.lelesilingardi.com è di proprietà di Emanuele Silingardi con c.f. SLNMNL74C27H223W ed è vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i Contenuti presenti sul sito sono protetti dalle leggi in materia di proprietà intellettuale e/o industriale. I Contenuti riportati nelle inserzioni pubblicitarie o le informazioni presentate all'utente dal servizio o dagli inserzionisti sono protette dalle norme in materia di diritti d'autore, marchi, brevetti o altri diritti di proprietà intellettuale e/o industriale.

PrivacyCookie

Realizzazione sito web Studio 1974 srls

  • Seguimi su Facebook
  • Seguimi su Instagram
  • Seguimi sulla mia pagina Facebook
Mostra altro
scrittore
Lele Silingardi è nato a Reggio Emilia il 27 Marzo 1974.
Per Prospettivaeditrice ha pubblicato "La vera storia di Elvis" (2014).

Sono nato a Reggio Emilia. Quaranta tre anni fa. Figlio legittimo di una pianura solida, attenta anche al più piccolo particolare. Una terra dura ma fertile, sanguigna, ma nello stesso tempo assai generosa nei frutti che sa coltivare con pazienza e metodo, con insegnamenti vecchi di generazioni. Una pianura dove l’ orizzonte non scompare mai davanti a te, dove l’occhio può cercare per ore in lontananza senza mai vedere la fine. Una terra antica di tradizione e suoni, di forti convinzioni trapiantate così sempre, di padre in figlio. Una terra grassa ma sana, ubriaca spesso ma mai molesta. Dietro di sé  la storia che l’ha forgiata nel profondo e davanti la realtà di tutti i giorni che la vede sdraiata sotto il sole, orizzontale e verde, rinfrescata da un fiume goliardico e maestoso che sembra non voler mai giungere a valle. Il giorno scalda e cresce i campi, li nutre di un vigore speciale che li conserverà fertili nella memoria. La notte li riposa e li rinfresca di una rugiada cristallina e miracolosa.


La notte.


La notte crea leggende e culla illusioni. 

 

La notte emiliana è  dei vecchi, per ricordare da dove sono venuti, dal lontano, tanti anni fa, con le gambe e col cuore da bambino. Si commuovono di un tempo che li ha trasformati, dimenticati sopra una seggiola o davanti a un camino.  La notte Emiliana è  commovente se la percorri sotto la luna. Una luna strampalata che innamora e che ti dimentica, sempre e comunque come vuole lei. Una luna gigante che s’ affaccia nel bel mezzo della sera e ti ferisce, con quel sorriso buono che hanno sempre le madri quando t’addormentano. Una notte e una luna che ti schiacciano se non hai abbastanza coraggio. Se non provi a prenderle di petto per scoprire dove vanno a dormire, con tutte quelle loro cantilene. La notte emiliana ti stupisce se ti lasci tentare. Imparerai a cantare e ballare, a fare l’amore e tradire. Imparerai ad amare ed odiare, a volerti bene e anche a farti male.


Conoscerai l’amore un giorno e imparerai cos’è la fortuna. Se una notte per caso ti senti innamorato.


Innamorato dalla luna.